per chi ama cucinare

Pizza bianca – alveolata e croccantina

Marzo 11, 2020

Pizza bianca – alveolata e croccantina

2 Comments

La pizza bianca, alveolata e con base croccantina, è irresistibile per grandi e piccini, da consumare sia da sola sola come spezza fame che ripiena come pranzo veloce. Qui trovi la ricetta con lievito naturale e con lievito di birra.

Da 20 anni abito nel regno della pizza bianca: Roma, e più in generale il Lazio, un territorio in cui c’è il culto di questo meraviglioso prodotto da forno (trovi qui la mia ricetta di pizza romana classica!) da consumare a qualsiasi ora, farcito di cicoria ripassata oppure con l’intramontabile mortazza.

La pizza bianca si distingue dalla focaccia per diversi aspetti tecnici dell’impasto e per le caratteristiche del risultato finale.

Uno su tutti l’alveolatura: la focaccia è alta alcuni centimetri, è soffice, e ha una texture interna fitta con buchini piccoli e ravvicinati; la pizza bianca è più bassa con base scrocchiarella, ha una superficie “bollosa” e un’alveolatura interna fatta di buchi grandi e irregolari.

La ricetta della mia pizza bianca che trovi a seguire, non è quella classica della “romana” con farina tipo 0, ma la versione con pasta madre che preparo sempre a casa mia e che amano le bambine, a base di farina tipo 1.

Pizza bianca – la ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di farina tipo 1
  • 150 g di lievito madre rinfrescato da almeno 3 ore (oppure 3 g di lievito di birra fresco)
  • 370 g di acqua
  • 25 g di olio extravergine di oliva + altro per la superficie
  • 8 g di sale

Preparazione

  1. Raccogli nel boccale della planetaria tutta la farina con 320 g di acqua e amalgama brevemente con la foglia. Fai riposare per 1 ora a temperatura ambiente.
  2. Aggiungi il lievito madre spezzettato insieme all’acqua restante (oppure sciogli il lievito di birra nell’acqua restante e aggiungila all’impasto), quindi avvia la macchina sempre con la foglia. Mentre la planetaria lavora aggiungi anche l’olio a filo e il sale.
  3. Stacca la foglia e monta il gancio. Porta a incordatura, ovvero, lavora fin quando l’impasto – che non sarà sodo – si mostrerà lucido, tenace ed elastico.
  4. Sistema il composto in una ciotola unta, copri e fai riposare 30 minuti. Esegui un giro di pieghe, poi forma una palla e rimetti in ciotola. Dopo aver fatto avviare la lievitazione per circa 2 ore, sistema l’impasto in frigorifero per tutta la notte (o comunque per 6-8 ore).
  5. Estrai l’impasto dal frigorifero e fai acclimatare per un’ora. Poi capovolgilo su un piano leggermente infarinato e dividilo in due parti uguali. Sistemale su un tagliere ben infarinato, coprile con un telo e falle riposare per 3-4 ore.
  6. Porta il forno statico alla massima temperatura. Prendi una porzione di impasto per volta e, infarinando bene la base, allungala con i polpastrelli direttamente su leccarda antiaderente, senza “stracciarla” e cercando di non rompere le bolle d’aria. Spennella generosamente la superficie di olio, copri con un foglio di pellicola e fai riposare 20-30 minuti.
  7. Rimuovi delicatamente la pellicola e cuoci su livello più basso del forno per circa 20 minuti, fino a doratura. Sforna e fai intiepidire 5 minuti coprendo con un canovaccio pulito. Quindi servi a tranci o con una farcitura a piacere.

Le cose buone richiedono amore, tempo e pazienza. Ma danno tanta, tanta soddisfazione.

Mettiti alla prova anche tu e prepara la mia pizza bianca!

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila!


2 thoughts on “Pizza bianca – alveolata e croccantina”

  • Sigh! L’ho realizzata seguendo tutti i passaggi con attenzione, ma è venuta molto, molto bassa…senza alveolatura e principalmente croccante…Temo di aver sbagliato la stesura della pasta. Probabilmente non andava stesa tanto quanto io ho fatto, ma piuttosto lasciandola abbastanza gonfia. Tu che ne pensi? ( senza STRACCIARLA cosa significa…? ) Grazie!

    • Ciao Alessandra! Mannaggia!
      Può essere certamente, come scrivi tu, che l’errore riguardi la stesura!

      Con “Senza stracciarla” intendo dire di non allungare/tirare l’impasto, ma di stenderlo come una focaccia, saltellandoci sopra con i polpastrelli 🙂

      Non mollare, riprova!!! E grazie per avermi scritto!

      Ps. ero convinta che mi avessi scritto sotto la pizza che ho pubblicato stamattina… sono proprio sbadata! Sorry!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.


error

Ti piace questo blog? Hai tanti modi per seguirlo!

error: Il contenuto di questo sito è protetto!!