per chi ama cucinare

Pappardelle al basilico – con squacquerone e pomodorini confit

Pappardelle al basilico – con squacquerone e pomodorini confit

Le pappardelle sono un formato di pasta all’uovoparente stretto” di tagliatelle e fettuccine, dalle quali si distingue per larghezza. Qui le trovi con il loro impasto base arricchito da basilico per un risultato profumato e originale.

Tagliolini, fettuccine, tagliatelle e pappardelle sono tutti formati di pasta all’uovo lunga e si distinguono gli uni dagli altri in base alla larghezza delle strisce:

  • tagliolini: sono larghi 2, 3 mm
  • fettuccine: sono larghe circa 5 mm
  • tagliatelle: sono larghe 8 mm
  • pappardelle: sono larghe da circa 2 a 4 cm

L’impasto arricchito di foglie di basilico consente di avere una pasta aromatica che si apprezza in pieno con un condimento semplice che la valorizzi senza sovrastarla.

Per questo ho scelto di accompagnare le mie pappardelle con dei pomodorini confit e squacquerone, un formaggio vaccino cremosissimo, tipicamente romagnolo. Il risultato? Un primo profumatissimo e goloso; un piccolo anticipo d’estate.

Pappardelle al basilico con pomodorini confit e squacquerone – la ricetta

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di semola rimacinata di grano duro
  • 3 uova
  • basilico fresco
  • 200 g di squacquerone
  • 250 g di pomodorini ciliegino
  • zucchero di canna
  • olio extravergine di oliva
  • timo, menta e maggiorana
  • 30 g di pinoli
  • sale e pepe

Preparazione

  1. Prepara i pomodorini confit: lava i ciliegini e asciugali con carta assorbente. Poi tagliali a metà e disponili man mano su una leccarda rivestita di carta forno con la parte tagliata rivolta verso l’alto. Cospargili delle erbette tritate finemente, un pizzico di sale e una spruzzata di pepe. Poi irrorali di olio e cospargili uniformemente di zucchero di canna. Cuoci in forno statico per 1-2 ore a 150°C, fin quando non appariranno “mielosi” e canditi.
  2. Prepara le pappardelle: disponi la farina a fontana in una ciotola, sistema al centro le uova, un pizzico di sale e abbondante basilico lavato, asciugato e tagliato finemente. Impasta trasferendoti su un piano da lavoro infarinato. Poi forma una palla, copri con la ciotola a campana e fai riposare circa 30 minuti. Stendi la sfoglia in modo da ottenere un rettangolo spesso circa 2 mm. Infarina la superficie e avvolgilo su se stesso. Utilizzando un tarocco – oppure un coltello – taglia le pappardelle ogni 2 cm circa. Poi aprile e disponile su un piano infarinato.
  3. Tosta i pinoli sul fondo di una padella antiaderente per pochi minuti, mescolando. Spegni e tienili da parte.
  4. Cuoci la pasta in abbondante acqua bollente e salata per pochi minuti. Scolala e mantecala in ciotola con metà squacquerone in fiocchi e un filo di olio. Aggiungi i pomodorini e distribuisci le pappardelle nei piatti. Ultima con lo squacquerone rimasto, ancora pomodorini, i pinoli e un filo di olio. Servi immediatamente.
Ricetta delle pappardelle al basilico

Lasciati inebriare dal profumo dell’impasto delle pappardelle al basilico!

E, se sei un amante dei pomodorini confit, non perdere la variante con datterino giallo che ho usato nei mezzi paccheri con mollica e caciocavallo che trovi qui!

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila!

Related Posts

Torta salata alla ricotta – pizza rustica lucana

Torta salata alla ricotta – pizza rustica lucana

La torta salata alla ricotta arricchita da cubetti di formaggio, uova sode e salame è ciò che in Basilicata chiamiamo pizza rustica, una preparazione semplice e golosissima immancabile nelle scampagnate o sulle tavole dei buffet. Aspetta! Potrebbero interessarti anche queste ricette! Torta al formaggio – […]

Maritozzi con la panna – a lievitazione lenta

Maritozzi con la panna – a lievitazione lenta

È tempo di Quaresima e di maritozzi con la panna! Con origini antichissime, conosciuti durante il Medioevo come dolci “d’emergenza“, questi panini venivano regalati dai fidanzati alle rispettive future spose il primo venerdì di marzo. Da qui il nome scherzoso di “maritozzo“. Aspetta! Potrebbero interessarti […]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


error

Ti piace questo blog? Hai tanti modi per seguirlo!

error: Il contenuto di questo sito è protetto!!